Immigrazione irregolare

Modificata il mercoledì, 17 maggio 2017 03:32 da redazione — Categorizzata come: Immigrazione

Immagine







Questa voce è stata curata da Emilia Naldi






Definizione

Questa voce rappresenta un approfondimento specifico sul tema in oggetto della voce Immigrazione, cui si rinvia per tutti gli approfondimenti del caso.





Il lavoro degli stranieri irregolari

La materia dell’immigrazione è principalmente regolata dal c.d. Testo Unico sull’immigrazione, il d.lgs. 286/1998, più volte oggetto di modifiche.
Sotto lo specifico aspetto dei rapporti di lavoro prestati da soggetti immigrati, che siano irregolarmente soggiornanti sul territorio europeo, la materia è disciplinata dalla direttiva 2009/52, recepita nel D.lgs. 109/2012 che, a sua volta, ha modificato il menzionato D.lgs. 286/1998.
Il principale merito della direttiva – che in generale vieta al datore di lavoro di assumere cittadini irregolari è l’aver previsto che alcuni diritti di carattere economico devono essere garantiti indipendentemente dalla condizione di irregolarità del soggiorno del lavoratore, ossia anche a cittadini di paesi terzi che non soddisfano o non soddisfano più le condizioni di soggiorno o di residenza dello Stato Europeo in cui si trovano.

Questi, sinteticamente, i profili di maggiore interesse della direttiva, sul fronte dei diritti del singolo lavoratore:

Sempre sulla base delle previsioni della direttiva gli Stati membri sono tenuti a mettere in atto meccanismi volti a garantire che i lavoratori soggiornanti irregolarmente:

oppure


Gli Stati membri assicurano che siano posti in essere i meccanismi necessari a garantire che i cittadini di paesi terzi assunti illegalmente possano ricevere il pagamento di tutte le retribuzioni arretrate e dovute anche nei casi di rimpatrio volontario o forzato.
La direttiva prevede poi che gli stati adottino misure necessarie affinché un datore di lavoro sia anche soggetto, se del caso, ai seguenti provvedimenti:


Per tutti gli approfondimenti del caso si veda la voce Immigrazione